WALL STREET JOURNAL: i vecchi SWIFT per 2 banche europee… E 3 indizi fanno una prova

Notizia fresca di poche ore, che, alla stregua di quella sui marchi stampati in Ticino, sembrerebbe l’ennesima “sparata” mediatica… Se non fosse che quest’ultima è targata WALL STREET JORNAL (da Londra) e la seconda era riportata su alcuni quotidiani inglesi e ripresa da Milano Finanza.

Sembrerebbe che un paio di banche europee abbiano richiesto informazioni per sapere come ripristinare i vecchi SWIFT code pre-euro… nulla di nuovo: tante banche stanno preparandosi al piano B anche se lo negano spudoratamente (perché non dovrebbe farlo un normale cittadino allora?)

Aggiungi anche l’altra notizia del Telegraph, che gli inglesi sarebbero pronti a evacuare il personale delle ambasciate dei parsi PIGS…e di indizi ora ne abbiamo 3…

O Londra è la culla dello scoop giornalistico in materia economica, o si sta consumando una guerra mediatica fra Inghilterra e Francia (quindi contro l’Euro ed i PIGS, che sono il punto debole delle banche francesi)… E visto le ultime vicende che hanno coinvolto in Inghilterra il gruppo di Murdoch forse non c’è da stupirsi più di nulla.

Torniamo ai “freddi dati”: spread BTP-BUND oltre 500 ma con la BCE che ha praticamente azzerato gli acquisti… La Spagna ha tenuto, noi siamo tornati sopra a 500… Probabile che si tratti di prove per capire se il sistema può reggersi da solo. E tutta la liquidità regalata alle banche, la settimana scorsa, all’1% è finita nei depositi overnight presso la BCE e per adesso di indicazioni che possa finire in circolo (come sarebbe stato l’obiettivo della BCE) non se ne parla…

Qualche mese fa ragionavo in queste pagine del paradosso di un BTP al 6% ed un mutuo fondiario per comprare casa al 4,5%… E adesso siamo in pieno credit crunch: le banche hanno azzerato le erogazioni (si sente di spread su nuovi mutui all’8%) e sembra che nelle prossime settimane chiederanno il rientro a molte medie aziende di parte dei fidi disponibili (perché si fa prima che con le piccole aziende, a cui spegnerebbero la luce).

La situazione non è buona… Ma è difficile non pensare che non ci sia una “regia” dietro al susseguirsi di certe notizie della stampa inglese… E 3 indizi fanno una prova 😉

Ormai pianificare investimenti sul medio periodo con tutta questa incertezza è diventato impossibile: la sola maniera per difendersi sembra sia diventata il trading, la speculazione intesa come il restare sul mercato solo il tempo necessario per guadagnare e uscirne ai primi segni di pericolo… ovvero combattere il sistema con le sue stesse armi… La borsa ormai non è più ció che era decenni fa, ovvero una fonte di finanziamento per le aziende e la possibilità da parte dei risparmiatori di sorreggere e condividere i successi di alcune aziende… E gli stessi oggi che dicono che è immorale fare Trading, o speculare, quelli che invocano la Tobin TAX, sono gli stessi che hanno interessi in Goldman Sachs o in qualche altra banca e che occupano quel posto proprio grazie a questa rete di relazioni… Questo è immorale… È impensabile cambiare il sistema; tanto vale cercare di difendersi con le loro stesse armi…

…e Sabato 21 gennaio siete i benvenuti a Milano ad una giornata di formazione gratuita che condurrò insieme a Luigi Piva dal titolo: “Trading System per chi inizia”. L’iscrizione, gratuita, è peró necessaria: su http://www.qtlab.ch trovate tutte le informazioni.

Ma oggi è Natale, quindi pensiamo alla famiglia e a riposarsi… Buone feste a tutti!

Luca Giusti
http://www.qtlab.ch
http://www.lucagiusti.it

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...