Il 15 gennaio l’India apre il mercato azionario agli investitori privati stranieri

Il nuovo anno si apre con una decisione rivoluzionaria per la finanza mondiale. Nella giornata di domenica il governo dell’India ha annunciato l’apertura dei mercati finanziari del Paese anche agli investitori privati stranieri. Questa misura rientra nel nuovo piano economico volto a rilanciare e ad incoraggiare gli investimenti dei risparmiatori di tutto il mondo.

In un comunicato, il governo ha spiegato che l’apertura del BSE SENSEX 30 INDEX, la borsa indiana, che nell’ultimo anno ha perso il 24,64% del suo valore complessivo, ha come obiettivo quello di “allargare la gamma dei potenziali investitori, attirare i fondi stranieri, ridurre la volatilità dei mercati e rinforzare il mercato indiano dei capitali”. Il grande evento è fissato per il 15 gennaio; fino a quella data i risparmiatori stranieri interessati ad investire nel mercato azionario indiano potranno farlo solo mediante l’intermediazione di società d’investimento.

In India, l’enorme sviluppo economico degli ultimi quindici anni ha subito una battuta d’arresto nell’ultimo periodo: la crescita dei tassi d’interessi da parte della Banca Centrale (ben 13 volte dal 2010), l’altissima inflazione e il tracollo della rupia hanno di fatto impedito al grande colosso asiatico di raggiungere una reale stabilita economica nel 2011. La crescita annuale è crollata al 6,9% nell’ultimo trimestre per la prima volta dal 2009 e il governo è stato costretto a rivedere al ribasso le stime per il 2012, dal 9% al 7,5%. L’apertura dei mercati finanziari agli stranieri può essere la giusta soluzione per rilanciare l’economia.

Interactive Brokers offriva gia la possibilità di operare con futures e opzioni sul mercato indiano ma non direttamente sulle azioni sottostanti: potrebbe essere uno dei primi broker ad ampliare la sua offerta anche su questo mercato.

Nel 2006 ho trascorso un mese in giro per questo paese, per tenere un ciclo di conferenze organizzate da un centro per l’innovazione nel settore tessile abbigliamento, ed ho avuto modo di conoscere diversi imprenditori alcuni dei quali facevano Trading con i futures… Ci sono forum molto attivi popolati da trader indiani, quindi non dovrebbe destare alcun stupore questo interesse per il trading, se non fosse per i tanti contrasti che caratterizzano questo paese in cui vedi persone armeggiare con un tablet mentre si muovono in bicicletta (non per una scelta salutistica) lungo una strada non asfaltata…

Questa apertura potrebbe offrire interessanti opportunità …quando toccherà alla Cina?

Luca Giusti
http://www.qtlab.ch
http://www.lucagiusti.it

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...