Spread e Tassi a Breve: una buona notizia…

Difficile trovare motivi per essere ottimisti dopo la prima settimana dell’anno del FTSE MIB, trascinato a fondo dalle Banche (Unicredit in primis, che con lo scorporo del diritto lunedì quoterà 2.64… che, lo ricordo, equivale alla vecchia quotazione di 0.264)… Ma qualcosa di positivo c’è…

il differenziale BTp-Bund ieri ha chiuso a 522 punti base, ma tutta questa attenzione sulla scadenza decennale può essere fuorviante. Non siamo lontani dal record di 552 raggiunto il 9 novembre 2011, e i 373 segnati il 5 dicembre 2011, subito dopo il varo del decreto salva-Italia del governo Monti, sembrano lontani… Ma guardiamo le scadenze più vicine: il 9 novembre, il BoT a 12 mesi ha toccato un rendimento del 9,47%; quello a 9 mesi l’8,9 e la scadenza a 6 addirittura l’8,3 per cento. Valori ben più alti di quelli del decennale che, sempre in quel giorno, era arrivato a rendere il 7,25 per cento. Con questa inversione nella curva dei rendimenti, il mercato sembrava prezzare un rischio imminente sul nostro debito. Adesso, quella prospettiva è sparita. Venerdì il Buono ordinario a 6 mesi, alle 17.30, ha chiuso con uno yield del 2,66%; la scadenza a 3 mesi, con un crollo del rendimento di circa il 70%, vantava invece il saggio dell’1,9 per cento.

Sembra che sia venuto meno il timore per l’incapacità dell’Italia di riuscire a finanziarsi sul breve; questo non è un invito ad abbassare la guardia, ma sicuramente osservare il solo spread decennale fra BTP-BUND non ci restituisce un quadro della situazione così completo.

La situazione puó tornare a degenerare velocemente, sopratutto se in Europa non cambia qualcosa, per la paralisi indotta dai veti tedeschi, ma per adesso i timori di un possibile default (o haircut) segnalati dall’inversione della curva dei rendimenti, sembrano lontani.

Mio figlio, stamane, sembra avere preso bene questa notizia😉

Da domani si riparte (anche se in realtà non ci siamo mai fermati, per arrivare a chiudere una batteria di trading system da agganciare nelle prossime settimane); venerdì ho ripreso ad inviare il Report Segnali Operativi su FX, e domani inviamo il Report Segnali su Opzioni e Spread Commodities. Il prossimo appuntamento è comunque per il corso gratuito di sabato 21 gennaio a Milano dal titolo: “Trading Systems per chi inizia”. I posti disponibili sono quasi esauriti, ma se volete partecipare, basta registrarsi nella pagina che gli abbiamo dedicato su http://www.qtlab.ch

Buona trading a tutti!

Luca Giusti
http://www.qtlab.ch
http://www.lucagiusti.it

Un pensiero su “Spread e Tassi a Breve: una buona notizia…

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...