Abbonamento canone RAI per 5 milioni di imprese… e va in dichiarazione

Era passata inosservata lo scorso dicembre questa simpatica novità: l’abbonamento Rai diventa obbligatorio per tutte le imprese, che hanno l’obbligo di indicare, nella dichiarazione dei redditi, il numero di abbonamento speciale alla radio o alla televisione ai fini della verifica del pagamento del canone di abbonamento radiotelevisivo speciale… Chiaro? Va in dichiarazione… E non serve una TV: basta un computer o anche solo uno smartphone!

Ma sono sicuro che le 5 milioni di imprese sul territorio italiano saranno felici di pagare il canone RAI e di finanziare in questo modo le apparizioni di Celentano, le tribune degli onorevoli politici a Porta a Porta o Ballaró, i reality show o quelle utilisssssime trasmissioni pomeridiane che saltano da storie (inventate) di tradimenti e litigi fra coniugi, a sciacallaggi giornalistici nelle case dei parenti vicini all’ultima disgrazia mediatica…

Possiamo anche farci una risarà pensando all’autofficina con i calendari zozzi appesi al muro, che magari lo pagherà anche volentieri davanti allo spacco di Belen e al tormentone mutanda si / mutanda no… Ma la situazione sfiora il ridicolo… In un momento del genere, con tante piccole aziende la cui sopravvivenza è appesa ad un filo, non saranno questi cento e rotti euro a fare la differenza, ma è l’ennesima presa in giro… Ma come fate ancora ad accettare tutto questo?

Luca Giusti
http://www.qtlab.ch
http://www.lucagiusti.it

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...