Stagflazione per i nuovi P.I.G.S. e il fondo Norvegese liquida…

Recessione ed Inflazione per i nuovi PIGS: lo scrivo da mesi (ma non ci voleva una laurea in economia per immaginarlo), e lo certifica oggi l’Economist con le previsioni per il 2012, quindi fra qualche mese ci arriveranno anche i super tecnici che appariranno sconfortati in televisione dichiarando: l’Italia è in stagflazione. Ma è in buona compagnia: e non penso alla solita Spagna, Portogallo o Grecia, ma ad insospettabili come l’Olanda ed il Belgio, oltre che qualche paese dell’Est Europa (non solo l’Ungheria). E l’Irlanda? Non se ne parla più perché è riuscita a ridurre ad 1/3 il suo rapporto deficit/pil (che aveva superato il 30%) dopo gli aiuti di 85 miliardi dell’FMI e la sua economia sta ripartendo grazie alle sue politiche fiscali in grado di attrarre imprese come Google o Intel. Lontana dall’essere fuori pericolo, ha peró imboccato una via di uscita, il credito gira (quando in questo paesi invece è fermo) e l’export recupera.

Viene da chiedersi allora se sia meglio fare default da ricchi o farlo da poveri… Se farlo come l’Islanda (non l’Irlanda) non accettando di farsi spremere all’osso o se farlo come la Grecia, che è stata spremuta finchè era possibile per poi lasciare il cerino acceso nelle mani dei creditori privato. Perché una buona parte dei cittadini di paesi come Italia e Spagna stanno ancora bene, paragonati a quelli della Grecia o del Portagallo (che sarà il prossimo a saltare).
I sacrifici si fanno volentieri se si intravede una via di uscita, ma nelle ultime settimane si avverte una certa tensione e meno sicurezza in chi dovrebbe guidarci fuori da questo pantano… La speranza che era riuscito ad infondere Monti nei primi mesi lascia il posto alle legnate del fisco e all’assurdità che un governo di tecnici chiama altri tecnici in aiuto: Bondi e Giavazzi sono tali, ma Amato no… Amato è quello del prelievo coatto sui conti correnti negli anni novanta, è quello che sei mesi fa nelle interviste che rilasciava spiegava la sua ricetta per stabilizzare il paese: ridurre di 1/3 il debito pubblico dell’Italia con un prelievo in media di 10.000€ a contribuente (presentando il conto agli italiani del debiti accumulato in questi decenni e ricordandogli che è “roba loro” e non di qualcun’altro). Costui è il consulente dell’attuale governo.
Per sistemare i conti hanno scelto di aumentare le tasse prima di tagliare la spesa (che non riusciranno a tagliare): cosi il nuovo gettito (i sacrifici) non fa in tempo ad arrivare che è gia stato speso… lo stato è comunque senza soldi e lo vedi perchè accumula nuovi ritardi nel pagamento dei suoi fornitori (parlo per esperienza diretta: oggi sono 9 mesi di affitti non pagati). E l’idea di compensare debiti e crediti con l’erario è pura fantascienza, così come quella di fare emergere i debiti dello stato con i suoi fornitori e dare loro in cambio dei titoli di stato… Ne avevo già parlato: l’Italia può fare solo l’opposto, ovvero non pagare i fornitori e emettere meno titoli di debito pubblico… Se emette titoli per fare emergere questi debiti verso i suoi fornitori, il debito pubblico chiaramente aumenta e sappiamo tutti che non possiamo permettercelo: quindi, lasciando da parte queste assurde “aperture”, la situazione è: adesso paga, ma di essere pagato non se ne parla… Questo paese è già insolvente: chi vanta un credito verso lo stato lo sa già, senza bisogno che me lo dica una agenzia di rating.
Tutto il resto è un film già visto mesi fa in Grecia: suicidi, aumento della piccola criminalità, disoccupazione, fuga dei capitali… ormai sappiamo già anche il finale, ma magari in questi paesi l’epilogo sarà differente… Dopo le elezioni di queste ore domani sui mercati si ballerà un po’…

Luca Giusti
http://www.qtlab.ch
http://www.lucagiusti.it

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...