14 anni per recuperare (secondo Prometeia)

“Il livello del Pil alla fine del 2020 sarà ancora inferiore ai valori pre-crisi (fine anni ’90) di circa il 2%”. È quanto stima Prometeia, nel suo Rapporto ‘Uno sguardo al 2020’.

Per l’istituto, tra il 2015 e il 2020 il tasso di crescita medio si collocherà stabilmente in territorio positivo (+1,1%) ma in linea con il 2000-2005. Non basteranno cioè 14 anni per recuperare i livelli di crescita perduti: il doppio di quanto, negli anni 90, impiegò la Finlandia, più del triplo di quanto impiegò la Svezia.

Inoltre la crisi e la “grande” recessione hanno fatto raddoppiare il tasso di disoccupazione italiano rispetto al 2007, quando viaggiava sul livello del 6%. Già oggi vicino al 12%, superererà questa soglia “entro il 2014” e “tornerà al 9% solo nel 2020”, comunque ai livelli di fine 2011. È lo scenario delineato da Prometeia nel rapporto di previsione sull’Italia al 2020.

…ma con 1600 imprese che ogni giorno cessano la loro attività (secondo la CGIA di Mestre), viene da chiedersi se questo paese sarà in grado di intercettare una ripresa internazionale che già si potrebbe iniziare a intravvedere quest’anno…

Appuntamento ai corsi del prossimo 18 e 19 Maggio! (tutte le informazioni su www.qtlab.ch)

Luca Giusti
www.qtlab.ch
www.lucagiusti.it

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...