Via libera all’Equity Crowdfunding

La Consob ha dato il via libea al regolamento per l’equity crowdfunding, che consentira alle imprese di raccogliere capitale di rischio attraverso internet. Il documento permettera’ di aprire vere e proprie vetrine online su cui le start up potranno presentare i propri progetti per stimolare il pubblico a finanziarne l’attivita’.

Il regolamento, composto da 25 articoli, è suddiviso in tre parti: disposizioni generali, registro e la disciplina dei gestori di portali, disciplina delle offerte tramite portali.

Fra le regole più importanti, l’istituzione del registro dei gestori, a cui si deve iscrivere chi vuole esercitare l’attività di equity crowdfunding (c’è una sezione speciale per banche e intermediari finanziari). Previsti specifici requisiti di onorabilità e competenza dei soci, regole sulle cariche societarie, obblighi informativi.

Sono indicate le modalità di iscrizione al Registro e i tempi necessari per l’adempimento (60 giorni), i poteri della Consob, le cause di cancellazione dal registro, che può avvenire: su richiesta del gestore, a seguito della perdita dei requisiti prescritti per l’iscrizione, a seguito del mancato pagamento del contributo di vigilanza alla Consob o per effetto dell’adozione del provvedimento di radiazione.

Ci sono le regole di condotta dei gestori, che devono assicurare diligenza, correttezza e trasparenza, gestione dei conflitti di interesse, parità di trattamento dei destinatari delle offerte.

Le informazioni al pubblico (ovvero agli investitori) devono essere corrette, aggiornate, chiare e non fuorvianti. Ad esempio, gli elementi informativi fondamentali dell’offerta devono essere pubblicati in forma sintetica e facilmente comprensibile.

Il portale deve avere una sezione di investor education, curata dalla Consob.

L’investitore deve dichiarare formalmente di aver compreso il servizio svolto dal portale, e di essere in grando di sostenere economicamente l’investimento che eventualmente potrà effettuare. Solo dopo questi passaggi, può accedere alle schede relative agli investimenti, che a loro volta sono compilate rispettando un elenco tassativo degli elementi infromativi.

Il gestore trasmette poi gli ordini a banche e imprese di investimento che operano nei confronti degli investitori nel rispetto delle disposizioni del Testo Unico del Risparmio e della relativa disciplina di attuazione. Queste regole non si applicano al di sotto si determinate soglie di investimento:

– per le persone fisiche: 500 euro per ogni investimento oppure 1000 euro annui,
– per le persone giuridiche: 5mila euro per investimento e 10mila euro annui.
I gestori sono tenuti a specifiche regole di condotta di tutela degli investitori relative a gestione dei rischi operativi, riservatezza, conservazione della documentazione, comunicazioni alla Consob.

Per quanto riguarda la disciplina delle offerte, almeno il 5% deve essere sottoscritto da investitori professionali o fondazioni bancarie o incubatori.

Il gestore deve verificare che l’emittente (ovvero la start up):

– abbia previsto in statuto il diritto di recesso dalla società o il diritto di co-vendita delle proprie partecipazioni nel caso in cui i soci di controllo, successivamente all’offerta, trasferiscano il controllo a terzi.
– Preveda la pubblicazione dei patti parasociali sul proprio sito internet.
I fondi necessari al perfezionamento degli ordini vengono versati in un conto indisponibile intestato all’emittente, acceso presso le banche o le imprese di investimento a cui sono trasmessi gli ordini.

L’investitore ha il diritto di revoca in caso di cambiamenti significativi della situazione dell’emittente o delle condizioni dell’offerta.

Sulla carta sembra un’opportunità molto interessante: sicuramente qualche pirata cercherà di approfittarne, ma nel complesso credo che potrebbe rappresentare una iniziativa interessante tanto per la start-ho quanto per chi si accrediterà per effettuare la raccolta… Stiamo a vedere.

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...