Stagione delle trimestrali in Italia: chi stacca i Dividendi più ricchi?

Un Btp decennale rende circa un 3,6%… in un contesto del genere è normale che tanti investitori (è a loro a cui mi rivolgo quando parli di Dividendi) cerchino strade alternative per spuntare qualche rendimento interessante…

Piazza Affari continua a di offrire numerose opportunità in termini di rendimenti, compresi tra il 4,4% e il 7%, quindi più del doppio di un Btp o di un conto vincolato. Ecco, a titolo di esempio, 24 suggerimenti di Intermonte (che dipendono dalle stime delle cedole, naturalmente):

Igd (rendimento atteso al 7%),

Eni (6,4%), Stm (6,3%),

Snam (6,2%),

Saes Getter (5,7%),

Terna (5,6%),

Hera e B&C Speakers (5,5%),

Marr, Tesmec e Zignago Vetro (5,4%),

Terni Energia (5,3%),

UnipolSai (5,2%),

Sias, Iren e Bolzoni (5%),

Banca Generali e Gefran (4,8%),

Beni Stabili e Atlantia (4,7%),

Unipol (4,6%),

Mediolanum (4,5%), 

Acea (5,1%),

Enel (4,4%).

copertura automatica…ma per chi ogni tanto dismette la giacchetta dell’investitore per infilarsi quella del trader, non posso che invitarvi a leggere gli articoli pubblicati sul sito www.QTLab.ch ed approfondire queste operatività (che hanno in comune il fatto di essere MECCANICHE, quindi basate su setup oggettivi e replicabili) in uno dei corsi di formazione in partenza nelle prossime settimane – che da quest’anno è possibile seguire anche a distanza (tutte le date in questa pagina).

Buon Trading 

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...