bancomat

Soglia limite all’uso del contante: da 1000 a 3000 Euro?

Negli ultimi anni siamo ormai già abituati ai cambiamenti di rotta repentini, dettati forse più dalle reazioni della platea degli elettori che non da precise strategie del governo… e a pochi giorni dalla notizia secondo cui l’esecutivo avrebbe intenzione di introdurre una tassa sui versamenti in contanti in banca e del successivo e immediato dietrofront, è di poche ore fa l’esternazione del premier secondo cui il consiglio dei ministri avrebbe intenzione di riportare i limiti per l’uso del contante al livello europeo, alzandoli da mille a tremila euro.

…e precisa che se è vero che la tassa “sui contanti” non ci sarà (più), è molto probabile che assisteremo ad una tendenza contraria, ossia una maggiore flessibilità nei confronti di chi preferisce pagare in cash.

L’innalzamento della soglia della tracciabilità dei pagamenti a tremila euro è subordinata all’approvazione del decreto delegato sulla fattura elettronica, la cosiddetta e-fattura, che verrà discusso in Consiglio dei Ministri nei prossimi giorni e con il quale, appunto, potrà essere modificato questo tetto di mille euro.

La carta che l’esecutivo sembra preferire non è quella del “divieto”, ma del “disincentivo”: favorendo, con agevolazioni, detrazioni e sconti di varia natura, l’utilizzo degli strumenti tracciabili, l’Italia potrebbe salire di qualche posizione nella lista dei Paesi europei che fanno uso delle carte di credito (attualmente siamo penultimi: sotto di noi, solo la Grecia).

Ecco che, allora, si tenterà di favorire gli scontrini e le fatture online. Anche perché questo tipo di imposizioni, finora, sono sempre state politicamente molto difficili da far digerire ai contribuenti e, soprattutto, alle categorie di commercianti e professionisti. L’esempio più recente è l’obbligo, per professionisti e imprese, di dotarsi del Pos, obbligo entrato in vigore lo scorso 30 giugno dopo rinvii e polemiche, ma privo di sanzioni e, quindi, di alcuna valenza pratica effettiva.

…a leggerla così, questa notizia, sembrerebbe far pensare ad una nuova ventata di buon senso… quindi prepariamoci ad una prossima smentita.

Buon trading!

(leggi i nuovi articoli su www.qtlab.net)

 

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...